RICONOSCIUTO DANNO ESISTENZIALE AL PADRE “ESCLUSO” DALLA GENITORIALITA’

Danno esistenziale al padre se la mamma subordina il riconoscimento del figlio al patto sull’assegno

Risarcito con 15 mila euro dalle tabelle milanesi per la perdita di un figlio, l’uomo che non ha partecipato alla crescita del minore a causa della donna che pretende la sottoscrizione di un accordo.

Sfera personale
Il padre ottiene un risarcimento di 15 mila euro dalla madre, per la minore scatta l’affido condiviso con collocamento prevalente presso la donna. I partner hanno convissuto per nove anni ma la bimba alla nascita è riconosciuta solo dalla mamma, che fin da subito si oppone al riconoscimento da parte del padre: ritiene che prima si debbano definire fra loro le condizioni relative all’esercizio della responsabilità genitoriale. L’accordo è raggiunto soltanto durante la causa, tanto che il giudice dichiara la cessazione della materia del contendere. Ma la condotta della donna integra un «danno esistenziale» nei confronti dell’uomo, in termini di «privazione del rapporto parentale», in quanto impedisce all’uomo di instaurare un relazione affettiva con la minore. Il tutto perché la sua priorità è la regolamentazione degli aspetti economici relativi al mantenimento della figlia. Si configura quindi il pregiudizio nella sfera personale del padre risarcibile in quanto illecito civile ex articolo 2059 Cc a partire dagli standard elaborati dal tribunale di Milano. Alla madre non resta che pagare: è condannata pure per lite temeraria.

La mamma risarcisce il padre del minore nato fuori dal matrimonio se ostacola il riconoscimento del figlio da parte dell’uomo subordinando il suo consenso alla previa sottoscrizione di un accordo sul mantenimento da versare. E ciò perché l’ostracismo della donna crea un danno esistenziale all’uomo che così non può partecipare ai primi fondamentali momenti di crescita del minore: il risarcimento deve dunque essere liquidato sulla base delle tabelle sul danno non patrimoniale elaborate dall’Osservatorio della Giustizia civile di Milano facendo riferimento alla voce “perdita di un figlio”. È quanto emerge da una recente sentenza pubblicata dalla nona sezione civile del tribunale di Milano (giudice Laura Maria Cosmai).
Fonte: http://dirittominorile.it/news/Danno-esistenziale-al-padre-se-la-mamma-subordina-il-riconoscimento-del-figlio-al-patto-sullassegno-1987

Un pensiero su “RICONOSCIUTO DANNO ESISTENZIALE AL PADRE “ESCLUSO” DALLA GENITORIALITA’”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...